IMMAGINE OLIMPIADI CERCHI COLORATI

IL CORONAVIRUS COLPISCE ANCHE LE OLIMPIADI

Se siete dei veri appassionati dello sport, ovviamente non vedevate l’ora delle Olimpiadi
Tokyo 2020. Quest’anno però le Olimpiadi sono state sospese a causa dell’epidemia di
Covid-19, ma state tranquilli non sono annullate, sono solo rimandate.

Gli specialisti alla fine hanno fatto una scelta e le Olimpiadi di Tokyo saranno rimandate all’estate del 2021, perciò quest’anno niente Olimpiadi.
In particolare, la Cerimonia di Inaugurazione delle Olimpiadi si terrà il 23 luglio 2021, quella di Chiusura l’8 agosto. La decisione sulle nuove date ha una spiegazione: il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) Thomas Bach, in accordo con il Comitato Organizzatore di Tokyo, le Federazioni Internazionali e gli sponsor, ha spiegato che in primavera sarebbe stato impossibile perché in contemporanea si disputavano i campionati di calcio in Europa e la Premier.
E per poter disputare le Olimpiadi, si dovranno spostare tre grandi competizioni in programma negli stessi giorni: i Mondiali di Atletica, i Mondiali di Nuoto e i Commonwealth Games.

Adesso che la data è certa, resta il problema è l’aumento dei costi pari almeno a 2,6 miliardi in più, la maggior parte dei quali saranno a carico del Giappone.

Giorgia Moroni, 3C

credits foto: pixabay.com

La Cina solidale con l’Italia

All’inizio erano guardati con sospetto, ma oggi i cinesi stanno dando una grande mano all’Italia e agli altri paesi del mondo nell’affrontare la pandemia.
Il 14 marzo è arrivato a Liegi, Belgio, un aereo che porta tonnellate di mascherine di cui 500mila dirette all’Italia.
Per aiutare il nostro paese la Cina ha inviato 4 tonnellate di materiale medico e 150.000 guanti, e un team di medici della Croce Rossa cinese è arrivata a Roma per aiutare i medici italiani nella lotta contro la diffusione di Codiv19.

Continua a leggere

credits foto: pixabay.com

UN GRAZIE A TUTTO IL PERSONALE MEDICO

L’epidemia del coronavirus non rallenta in modo significativo nonostante le misure predisposte dal governo e il numero delle persone positive aumenta.

Un grazie particolare è doveroso per chi è impegnato in prima linea a combattere il virus, soprattutto i dottori e gli infermieri.

Come non ricordare Li Wei Liang, primo medico cinese a parlare del nuovo virus e ora diventato un eroe?
Li Wei Liang venne minacciato dalle autorità e dalla polizia cinese per aver lanciato, a dicembre, l’allerta contro il virus. Purtroppo dopo essere stato riammesso al lavoro, anche Li è stato contagiato. Ricoverato nel reparto di terapia intensiva, successivamente è deceduto.

 

Continua a leggere

CORONAVIRUS: DALLE GITE SCOLASTICHE AGLI AIUTI INTERNAZIONALI

Scuole chiuse e niente gite. A causa della pandemia di COVID-19 legata al nuovo coronavirus, tutte le gita scolastiche sono saltate. Panico per i ragazzi e problemi anche per gli adulti con i rimborsi. “Non c’è bisogno di un ulteriore intervento da parte del Governo, basta il Codice del Turismo, che sulla questione è chiaro e netto”. Lo sottolinea l’associazione Codici (Centro per i diritti del cittadino) in merito ai rimborsi sulle gite scolastiche cancellate a causa dell’emergenza. Continua a leggere

credits foto: pixabay.com

L’arte e la cultura non vanno in quarantena!

In questi giorni è arrivata una novità per tutti gli appassionati di arte e cultura che stavano aspettando la bella stagione per recarsi in uno dei tanti musei presenti sulla penisola ma che sono stati bloccati dal Coronavirus.
Ora c’è la possibilità di visitare on line 10 musei, italiani e internazionali, comodamente da casa senza obbligo di iscrizione o di pagamenti.
Un’ottima alternativa questa per passare il tempo in maniera intelligente e costruttiva senza annoiarsi durante questa forzata quarantena.
Molti di questi musei offrono anche la possibilità di accedere a tour virtuali in 3D: si tratta di una tecnologia che riesce a portare sullo schermo del computer immagini a grande risoluzione, interattive ed esplorabili in 3D, come se ci si trovasse davvero nel posto fotografato o al museo.

Continua a leggere