Pane: simbolo indelebile, magico e significativo.

Il pane costituisce la base dell’ alimentazione umana nella maggior parte dei paesi del mondo.

La maggior parte dei Paesi ha un pane tradizionale, In Russia il pane comune è sempre nero, e nel pranzo domenicale sono presenti in tavola almeno tre tipi di pane diversi.

In India il pane viene preparato in casa, facilmente e velocemente, perché non è lievitato e viene cotto sulle piastre calde.

In Francia il pane simbolo è la baguette.

In Scozia, in Irlanda e nel nord dell’Inghilterra il pane viene preparato con la farina d’avena.

In Cina il pane è sostituito molto spesso dal riso, ma in occasioni speciali è preparato un insolito pane di piccole dimensioni, che viene cotto a vapore;

insomma, nel mondo esistono tantissimi tipi di pane, ma resta sempre il suo aspetto magico e significativo.

 

Il pane è una cosa cosi’ buona che è stata presa come modello della bonta’, infatti diciamo: “buono come il pane”.

 

Il pane é capace di soddisfare tutti e cinque i sensi contemporaneamente: non solo il gusto, ma anche la vista (un bel pane nelle sue diverse forme), l’olfatto (il profumo del pane), il tatto (liscio, rugoso), l’udito (un pane che scrocchia sotto i denti).

Il pane è il cibo più antico e prezioso del mondo.

 

Anche nella Bibbia il pane viene menzionato spesso: quando Adamo mangia il frutto dell’ albero del bene e del male, viene redarguito da Dio: ” In sudore vultus tui vesceris pane”: “Ti procacerai il pane col sudore della fronte” (Genesi

3,19). Quando tre angeli si presentano alla tenda di  Abramo, questi li pregò di entrare, ordinando alla moglie Sara: “Pane non ce n’è più, prendi tre misure di farina, impastala e fai delle schiacciate”.

Esaù vendette a Giacobbe la primogenita per un pò di lenticchie e pane.

A Satana che lo tentava nel deserto, durante il digiuno, Gesù rispose: “Non di solo pane vive l’ uomo”,confermando l’ importanza di questo alimento, che poi nobilitò inserendolo nella Preghiera del Pater Noster: ” Dacci oggi il nostro pane quotidiano”, e convertendolo nella sua carne durante l’ultima cena: “Spezzatelo e mangiatelo tutti questo è il mio corpo dato in sacrificio per voi”.

Se la religione ha santificato il pane, la storia ne ha fatto la bandiera di sommosse popolari.

Non si è mai saputo che siano scoppiate rivoluzione per carenza di altri tipi di alimenti, mentre per il pane sempre.

 

Importanti sono anche alcune tradizioni legate al pane che emergono dalla vita quotidiana dei diversi popoli. Per esempio

– I canadesi benedicono sempre il pane prima di infornarlo;

– gli ebrei gettano una pallina di pasta di pane nel forno, prima di cuocerlo, per offrire il primo pezzo a Dio.

– In Russia si fanno gli auguri con il pane perchè chi mangia pane da qualcuno e’ in debito con lui e non lo deve tradire mai;

– in Polonia , la sposa, finita la messa, da agli invitati delle bambole fatte di pane con all’interno una moneta come augurio.

– In Calabria c’ è una tradizione chiamata dei “panpepati” che sono pani modellati a mano con cui si fanno oggettini per pellegrinaggi o ex voto, oppure si fanno figure per il presepe fatte di mollica colorata.

I contadini anche in epoche passate, hanno sempre fatto preghiere e benedizioni al campo di grano per far si che ci sia abbondanza e durante la mietitura, ancora aggi, si fanno sempre feste e sagre. In molte regioni per Pasqua si fanno delle grosse trecce di pane a forma di ciambella dove, all’interno, viene sistemato un uovo sodo colorato in segno di fertilita’.

In commercio i tipi di pane sono infiniti e diversi per ogni regione o stato. Ci sono le trecce, le michette, i filoni, le ciriole, le rosette, le manine, gli arabi, i francesini, le piadine, le mafalde, i casalinghi ecc… Tutti nati dalla fantasia umana mescolando solo farina, acqua, lievito e talvolta qualche ingrediente aggiuntivo.

Il pane é diventato ormai un segno patrimoniale e culturale di tutto il mondo.

Se avete “fame” di frasi sul pane, non dovete fare altro che leggere le citazioni e gli aforismi che seguono: e cosi’, la prossima volta che vi troverete una pagnotta, una baguette o una michetta sul tavolo, avrete l’opportunita’ di saziare non solo lo stomaco, ma anche lo spirito e l’intelletto.

I due odori piu’ buoni e piu’ santi son quelli del pane caldo e della terra bagnata dalla pioggia.
(Ardengo Soffici)

Ci sono persone nel mondo che hanno cosi’ tanta fame, che Dio non puo’ apparire loro se non in forma di pane.
(Gandhi)

I sapori semplici danno lo stesso piacere dei piu’ raffinati, l’acqua e un pezzo di pane fanno il piacere piu’ pieno a chi ne manca.
(Epicuro)

L’odore della buona cottura del pane, come il suono dell’acqua che scorre lentamente, é una indescrivibile evocazione di innocenza e di gioia.
(MFK Fisher)

Un vero contadino
riconosce
la sua terra
dal sapore del suo pane
(Louis Savary)

Ci hanno insegnato la meraviglia
verso la gente che ruba il pane
ora sappiamo che é un delitto
il non rubare quando si ha fame.
(Fabrizio De Andre’)

Questo nostro mondo umano,
che ai poveri toglie il pane, ai poeti la pace.
(Pier Paolo Pasolini)

Non Ë un caso che tutti i fenomeni della vita umana siano dominati dalla ricerca del pane quotidiano, il piu’ antico legame che lega tutti gli esseri viventi, incluso l’uomo, con la natura circostante.
(Ivan Pavlov)

Non poter portare il pane a casa toglie la dignita’
(Papa Francesco)

Non darmi ne poverta’ ne ricchezza, ma fammi avere il pane necessario
(Proverbi 30,8)

Per come fai il pane so qualcosa di te, per come non lo fai so molto di piu’.
(Nahuel Ceru)

Non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
(Gesu’ di Nazareth, Vangelo secondo Matteo)

La maggior parte degli uomini vive per avere il pane quotidiano; quando l’ha avuto vive per avere un buon pane quotidiano; e quando ha ottenuto anche questo, muore.
(S¯ren Kierkegaard)

Tu proverai sÏ come sa di sale
lo pane altrui, e come Ë duro calle
lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale.
(Dante Alighieri)

Troppe chiese dorate e troppi villaggi senza pane.
(AndrÈ Malraux)

Chi fa un paradiso del suo pane, della sua fame fa un inferno.
(Antonio Porchia)

Tienti lontano da colui che non ama il pane o la voce dei bambini.
(Proverbio svizzero)

Se la poesia fosse pane la farina sarebbe lo stile, il lievito la realta’.
(Alessandra Paganardi)

La fantasia é come la marmellata, bisogna che sia spalmata su una solida fetta di pane.
(Italo Calvino)

La teoria ama annusare i forni prima di mangiare il pane.
(Erika Martinez)

Scrivere é fare il pane con le parole.
(Alessandro D’Avenia)

Tu Adamo ti guadagnerai il pane col sudore della fronte.
(Genesi)

Pane di sudore ha gran sapore
(Proverbio)

Finchè esistera’ del pane fresco, le cose non potranno guastarsi in maniera irreparabile.
(Chitra Banerjee Divakaruni)

Manuel Garavaglia 3°C

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...