“PANE AZZIMO”

Storia…

Il pane azzimo è stato per molto tempo l’unico conosciuto dall’umanità. Si preparava con farina integrale e si cuoceva mettendo l’impasto su pietre arroventate o cenere calda. In seguito la preparazione, si evolse fino a produrre le numerose varietà di pane conosciute. L’evoluzione prese avvio grazie all’invenzione dei forni, alla scoperta del lievito, all’estrazione della farina ed eventualmente all’aggiunta di altre sostanze come olio, burro, spezie, ecc. Tuttavia molti continuano a preparare il pane azzimo sia per motivi di praticità, essendo il pane più facile da preparare, che per motivi religiosi e dietetici. Il pane azzimo è pertanto utilizzato come pane tradizionale in molte località, anche in Italia; viene utilizzato inoltre nei casi in cui occorre un tipo di pane che si debba conservare per lunghi periodi di tempo.L’uso del pane azzimo è importante nella religione ebraica e in quella cristiana.Gli ebrei mangiano pane azzimo durante la settimana pasquale, celebrata in ricordo dell’uscita del popolo israelita dall’Egitto, secondo la prescrizione contenuta nel capitolo XII dell’Esodo. Alcune confessioni religiose cristiane, in particolare la Chiesa cattolica, utilizzano per l’eucaristia un particolare tipo di pane azzimo di forma circolare, l’ostia.

…Ricetta…

Ingredienti

  • 300 gr. di farina
  • Farina di grano tenero 00 300 g
  • 150 g di farina integrale• Farina integrale 150 g
  • 100 ml di olio extravergine d’oliva
  • Olio d’oliva 100 ml
  • 1 pizzico di sale
  • Sale q.b.

Preparazione.

Prendete un contenitore capiente e versatevi le due tipologie di farina dopo averle setacciate.
Sciogliete nell’acqua tiepida (circa 220 millilitri) un pizzico di sale e poi aggiungete questa soluzione alle farine. Iniziate a mescolare, e dopo un po’ incorporate l’olio. Lavorate l’impasto fino a ottenere una consistenza morbida e allo stesso tempo elastica. Coprite il contenitore con un panno pulito e umido e lasciate così riposare l’impasto per almeno un’ora.
Trascorso questo tempo riprendete l’impasto, massaggiatelo ancora qualche minuto e poi suddividetelo in diverse porzioni. Con l’aiuto di un mattarello, stendete ciascuna porzione in modo da formare un disco spesso al massimo 2 cm. Bucherellate la superficie con i rebbi della forchetta, quindi spennellatela con un po’ d’olio.
Trasferite la preparazione in forno già caldo a 220°C. Entro 15 o 20 minuti le vostre porzioni di pane azzimo saranno pronte: croccanti e dorate in superficie, ma morbide all’interno.

Gaia Porati e Digesu Basilia   3^B

IO LIOUK

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...