Kobe Bryant Un po’ di storia e l’addio di un mito

Kobe Bryant nato a Philadelphia il 23 agosto 1978 incomincia a giocare a basket in Italia, dove ha imparato i fondamentali Europei, per poi proseguire in NBA nei Los Angeles Lakers, prima con il numero 8 ed ora con il numero 24. La sua carriera inizia subito con una vittoria ai Play off avendo come avversari i Philadelphia e un certo ragazzo di nome Allen Iverson, ma dalla sua parte ha il colosso Shaqille O’neal. I due si trovano subito bene insieme segnando solo loro 65 punti, Kobe Bryant ne mette 21 e Shaq 44 con i quali si aggiudica il titolo di MVP di quell’anno. La squadra con questi due vince i play off per ben tre anni di fila. Nel 2001 stavano per vincere facendo il record mondiale: vincere i play off senza nessuna sconfitta. Si trovano però sulla loro strada sempre Allen Iverson che gli impedisce di raggiungere il loro obiettivo. Dopo i Lakers vinsero nel: 2004, 2008, 2009, 2010. Purtroppo questi tempi sono finiti in quanto Shaquille O’neal si ritira il 2 aprile 2013 ed ora i Los Angeles Lakers si apprestano a perdere anche Kobe Bryant che, il 29 novembre 2015, ha annunciato il suo ritiro al termine della stagione 2015-2016, con queste parole:

“Cara pallacanestro,                                                                                                                                        

Da quando ho incominciato ad immaginare e lanciare i tiri della vittoria nel Great Western Forum ho capito una cosa, mi ero innamorato di te. Un amore cosi grande che narticle-2541764-1AC4171B00000578-71_634x596on vedevo la fine del tunnel, ma solo me correrci a fianco. Io ti ho dato tutto dalla mente all’ anima al mio cuore. Ho corso su e giù per tutto il parquet per ogni palla persa per te e, per quanto io ti ami ,non posso più amarti con quella stessa ossessione, questa stagione è l’ultima cosa che mi resta di te e voglio che tu lo sappia cosi possiamo assaporare entrambi questi ultimi momenti, i omenti buoni e quellimeno buoni. Te per me hai già fatto tanto … mi hai fatto sentire un vero Lakers. Per quanto la mia mente possa sopportare il dolore, il mio corpo sa che é ora di smettere; ma sappi che io sarò sempre quel ragazzo nell’angolo del campo, palla tra le mani 5 secondi da giocare. 5 4 3 2 1…ti amerò per sempre … Kobe.”

Ielmini Marco 3B

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...