IL CURLING

Oggi voglio parlare di uno sport strano e misterioso per gran parte delle persone.

Il curling prevede sostanzialmente il lancio di una pietra lucida con attaccata una maniglia, che ricorda un po’ una pentola a pressione o un ferro da stiro.

Il curling viene praticato soprattutto negli Stati Uniti e in Canada. Si gioca in quattro, esiste sia la categoria femminile che quella maschile e lo si può praticare da professionisti anche dopo i 35 anni. È stato introdotto alle Olimpiadi nel 1998 a Nagano, in Giappone.

Il funzionamento del gioco è piuttosto simile alle bocce, sebbene negli anni siano state inventate tattiche e strategie sempre più complicate: per questa e altre ragioni è stato soprannominato “il gioco degli scacchi fra i ghiacci”.

L’elemento che lo rende particolare è l’azione dei giocatori che spazzano il ghiaccio per cambiare la velocità e la direzione della pietra che non è piatta inferiormente, ma presenta una piccola rientranza, creando così una sorta di sacca d’aria e limitando il contatto con la pista.

Il curling si basa sullo sfregamento tra due parti: la pietra e il ghiaccio (o la scopa e il ghiaccio). L’attrito gioca un ruolo fondamentale nella disciplina, che ruota tutto intorno all’aumentare o diminuire questa grandezza a proprio vantaggio.

Il limite di questo sport è proprio la sua diffusione e la quasi impossibilità di assistere a delle gare al di fuori delle manifestazioni più importanti.

Elisa Colombo     3^ C

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...