SHIRIN EBADI

Minacce di morte, intercettazioni, soprusi, intimidazioni ed esilio. L’iraniana Shirin Ebadi combatte la sua lotta per i diritti umani su un campo minato. E non è bastato il Premio Nobel per la Pace conferitole nel 2003  per metterla al riparo dalla persecuzione che racconta in Finché non saremo liberi.

Prima donna a diventare magistrato nel suo paese, dopo la Rivoluzione Islamica del 1979, la sua professione viene spazzata via. Lei si ribella alla retrocessione a segretaria del tribunale e si dedica alla difesa legale di donne vittime della Sharia, bambini, prigionieri politici, chiunque sia nel mirino del potere. Innesca così un micidiale ordigno: il controllo da parte del regime. Quando nel 2009 Ahmadinejad “ruba” la vittoria elettorale con l’avvallo della Guida Suprema, l’ayatollah Khamenei  la repressione dei dissidenti è sfrenata: squadroni della morte, torture, omicidi.  Nella lista nera spicca il suo nome. E Shirin non ha altra scelta che avviarsi all’esilio.

Valentina Trezzi e Sofia Magitteri 3B

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...