happines

Nessuno lontano dalla verità può dirsi felice

L’Italia non è un paese felice. Lo certifica l’ONU nel World Happines Report, che studia le determinanti della felicità per capire meglio il benessere ed individuare fattori rilevanti trascurati dalle misure tradizionali, come il PIL (è l’acronimo di Prodotto Interno Lordo ed è in parole molto semplici la ricchezza che un certo Paese è in grado di produrre nell’arco temporale di un anno. Si tratta della somma totale dei beni e dei servizi che si producono per essere consumati all’interno di uno Stato).

Il sondaggio pubblicato alla vigilia della giornata mondiale della Felicità delle Nazioni Unite New York il 20 marzo (2016) e redatto dal Sustainable Development Solutions Network, organismo dell’ONU che classifica 156 paesi. Peggio dell’Italia si trova la Grecia, meglio l’Uzbekistan, il Nicaragua, la Malesia, tutte davanti in classifica. Il podio è per Danimarca, Svizzera e Islanda. Seguono Norvegia, Finlandia e Canada.
Ma cos’è la felicità? La felicità è una condizione fortemente positiva, percepita soggettivamente, sempre secondo criteri soggettivi. L’etimologia fa derivare felicità da: felicitas, deriv. felix-icis ‘felice’, la cui radice “fe-” significa abbondanza, ricchezza, prosperità. La nozione di felicità, intesa come condizione (più o meno stabile) di soddisfazione totale, occupa un posto di rilievo nelle dottrine morali dell’antichità classica, tanto è vero che si usa indicarle come dottrine etiche eudemonistiche (dal greco eudaimonìa) solitamente tradotto come “felicità”.                       Tale felicitàconcezione varia, naturalmente, col variare della visione del mondo e della vita su di esso.
Hanno proprio ragione Linus e Seneca;
“Il significato della parola felicità, sostanzialmente, non si discosta tanto da quello di verità. Prova a dire sempre la verità, fallo con tutti, fallo contro tutti. Fallo anche quando non credi che ce ne sia bisogno. Chi ti capirà, chi capirà veramente chi sei, non scapperà via. E’proprio in quel momento che puoi iniziare ad avere accanto persone vere, senza false pretese, senza pregiudizi, colte e libere.”

«Beatus nemo dici potest extra veritatem proiectus » «Nessuno lontano dalla verità può dirsi felice. »
(Seneca)

wakeupnews.ue  –  sestopotere.com

Fontana Sofia, Garagiola Sofia, Alexandra Platash

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...