I 20 FILM PIU’ FAMOSI

 

untitledewrg.png

Ecco i 20 film che hanno fatto la storia del cinema.

Al ventesimo posto vi è IL PADRINO interpretato da Marlon Brando che con questo film vincerà il secondo oscar. Brando si cala con metodo nei panni del capofamiglia temuto e rispettato da tutti.
Al diciannovesimo posto vi è IL SETTIMO SIGILLO che consacra il talento di Ingmar Bergman e lancia Max von Sydow, protagonista nei panni di Antonius Block, cavaliere scandinavo di ritorno dalle Crociate in Terra Santa.
Al diciottesimo posto vi è I QUATTROCENTO COLPI con François Truffaut è il Cinema ad osservare il delicato passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza di Antoine Doinel, dodicenne parigino alle prese con una vita difficile.
Al diciassettesimo posto vi è LE ALI DELLA LIBERTA’ che è un dramma carcerario, duro e toccante. Ma soprattutto una metafora sulla libertà: rubata e negata, bramata e infine raggiunta nel modo più astuto e beffardo possibile.
Al sedicesimo posto vi è IL BUONO, IL BRUTTO, ILCATTIVO che con L’attenzione maniacale per i dettagli, l’altissimo livello di scrittura, l’apparente disinteresse per l’azione, la rinuncia all’eroe senza macchia e l’utilizzo straniante della colonna sonora: i tratti somatici del cinema di Sergio Leone tornano ossessivamente ad affacciarsi nel capitolo che chiude la “trilogia del dollaro”.
Al quindicesimo posto vi è MULHOLLAND DRIVE ,capolavoro firmato David Lynch che si sviluppa a partire da una delle strade più celebri di Los Angeles. Laura Harring e Naomi Watts sono le protagoniste di un noir sempre sospeso tra immaginazione e realtà, girato quasi fosse un interminabile incubo ad occhi aperti.
Al quattordicesimo posto vi è APOCALYPSE NOW. Il napalm che brucia la giungla vietnamita e infiamma un’intera stagione politica che avvolge il Cinema sul finire degli anni ’70. Chiamato a firmare uno dei capolavori del Cinema , Francis Ford Coppola, affronta la sfida più logorante della propria carriera.
Al tredicesimo posto vi è BALLA CON I LUPI dove il tenente della cavalleria nordista John Dunbar ha l’ordine di dirigersi verso Fort Sedgwick. Giungerà a destinazione, deviando però moralmente dalla politica dell’uomo bianco e dall’assurdo sterminio perpetrato dai colonizzatori ai danni dei nativi americani.
Al dodicesimo posto vi è L’APPARTAMENTO. Il modo più originale per utilizzare una racchetta da tennis? Ce lo suggerisce Jack Lemmon, che ne L’appartamento improvvisa un “servizio” culinario fuori del comune: il suo C.C. Baxter scola gli spaghetti su una racchetta da gioco.
All’undicesimo posto vi è TAXI DRIVER. Completamente incapace di comunicare, Travis Bickle guida i taxi durante il servizio notturno. Il lavoro lo porta a scontrarsi con una realtà violenta, che testimonia la decadenza palpabile della società americana degli anni ’70. Martin Scorsese, alla seconda collaborazione col feticcio Robert De Niro firma uno dei pilastri della storia del cinema.
Al decimo posto vi è ROMA CITTA’ APERTA è Il film con Anna Magnani e Aldo Fabrizi può essere considerato quasi alla stregua di una cronaca in differita dell’occupazione tedesca sul suolo italiano. Ciò è reso possibile dalla capacità di Rossellini di rivoluzionare i codici di rappresentazione del cinema nazionale e internazionale influenzando le future generazioni di cineasti.
Al nono posto vi è 2001: ODISSEA NELLO SPAZIO l’opera più enigmatica e riflessiva del maestro che è un kolossal fantascientifico in grado di porre l’accento su questioni ontologiche che abbracciano in toto l’uomo in quanto essere finito.
All’ottavo posto vi è LA GRANDE GUERRA. Nel 1959, un anno dopo l’exploit de I Soliti Ignoti, Mario Monicelli manda al fronte il duo Alberto Sordi e Vittorio Gassman. I due mattatori della risata italiana regalano due maschere di un’Italia in guerra contro gli austriaci nel triennio ’15-’18.
Al settimo posto vi è BLADE RUNNER con un finale intriso di lacrime e pioggia. Protagonisti un cacciatore di androidi e un replicante, intenti a scrivere una delle pagine più memorabili della storia del Cinema.
Al sesto posto vi è QUATRO POTERE. A soli venticinque anni Orson Welles dirige il suo primo film che assieme a L’infernale Quinlan rimarrà l’opera più completa del regista statunitense. La storia è incentrata sulla vita del magnate Charles Foster Kane, editore ricco di capitali e povero di sentimenti giunto in punto di morte.
Al quinto posto vi è MILLION DOLLAR BABY Lacrime e boxe, dirige Clint Eastwood. Storia d’amore (tra “padre e figlia”) appassionante, quella raccontata da uno dei volti più celebri del cinema western, che filma la nascita, lo sviluppo e il tragico epilogo del magnifico legame tra un anziano e disilluso allenatore e una boxeur determinata.
Al quarto posto vi è CASABLANCA. Ci vedremo questa sera?”; “Non faccio mai piani così in anticipo”. Parla Rick Blaine, cinico e disincantato, gestore di un locale in quel di Casablanca durante la Seconda Guerra Mondiale.
Sul podio vi sono :
Al terzo posto IL LAUREATO Benjamin Braddock, appartenente alla middle class americana, è il protagonista del film che è una pellicola tra le più influenti e citate della storia del Cinema.
Al secondo posto 8 E MEZZO. Marcello Mastroianni nasconde le inquietudini di Federico Fellini dietro un paio di occhiali da sole in quello che è il capolavoro del regista romagnolo.
E al primo posto vi è IL CACCIATORE. Tre amici. Tre operai di una fonderia. Tre vittime sacrificali di una guerra, quella del Vietnam, senza senso. Memorabile dramma di guerra confezionato da Michael Cimino e interpretato da due attori in stato di grazia: Robert De Niro e Christopher Walken (premiato con l’Oscar).
( fonte testo : mondofox.it )
Alice Lionello 3A

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...