Gli esperti:”In arrivo un’ondata di gelo come quelle del 2012 e del 1985″

  • L’ondata di gelo che sta per investire l’Europa e da domenica sera arriverà in Italia sarà paragonabile a quella del febbraio 2012 o del gennaio 1985. Lo fanno sapere i meteorologi del Centro Epson Meteo-Meteo.it, precisando che sono attese nevicate, un crollo termico e giornate di ghiaccio (ovvero con temperature che anche di giorno non supereranno lo zero). Tra lunedì e martedì le temperature potrebbero scendere su valori di oltre 10 gradi al di sotto della media stagionale (con minime intorno a -7, -8 anche in pianura e massime intorno allo zero, ma a causa del wind chill le percepite potranno risultare nell’ordine di -10/-15). L’aria gelida, precisano i meteorologi, arriva dalla Siberia e per raggiungere il nostro Paese compirà una distanza di circa 5.800 chilometri. Nelle zone d’origine, le temperature al suolo toccheranno i -35 gradi, addirittura -40. L’ondata di gelo coinvolgerà gran parte dei Paesi europei. All’inizio della prossima settimana a Mosca il termometro precipiterà a -27 di notte e non supererà i -12 durante il giorno; a Berlino si arriverà a -15 e a -4; a Parigi -8 e 0; a Londra -6 e 1; a Budapest -16 e -5.

Prevista seconda ondata gelo entro metà marzo
L’ondata di gelo che da domenica sera arriverà in Italia e che durerà almeno 4 giorni non sarà l’unica di questo inverno: entro la prima metà di marzo, infatti, è possibile l’irruzione di una nuova massa d’aria fredda che porterà nuovamente le temperature sotto zero ovunque.

 

Cos’è il Buran, vento che farà ‘gelare’

Ha origine in Siberia e causa vere e proprie tempeste di neve
Il vento che porterà da sabato l’ondata di gelo in tutta Europa, Italia compresa (qui arriverà domenica sera), è il Buran, e non Burian come chiamato erroneamente da alcuni.
«Questo vento gelido – spiega il Centro Epson Meteo-Meteo.it – ha origine dal settore russo-siberiano, ad est degli Urali nei pressi del bassopiano sarmatico siberiano: si tratta di un vento forte da Nordest o Est-Nordest che soffia in Siberia ed è accompagnato da freddo intenso che dà origine a vere e proprie tempeste di neve. Quando il Buran scavalca gli Urali può invadere anche l’Europa e arrivare fino all’ItaIia

Fonte testo:Gazzetta di Parma

Nafi Imane 3D

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...