SAI TUTTO SUL NATALE?

SAI TUTTO SUL NATALE?

LE LEGGENDE DI NATALE

La Leggenda Delle Palline Di Natale

Nei giorni seguentiSAI TUTTO SUL NATALE? alla nascita del Bambino Gesù un artista di strada molto povero si trovava a Betlemme.
Voleva andare a salutarlo ma non aveva nemmeno un dono da portargli. Dopo qualche dubbio decise di recarsi alla grotta e di andarlo a trovare. Gli venne in mente un’idea: fece quello che gli riusciva meglio, il giocoliere, e fece ridere il piccolo bambino.
Da quel giorno per ricordarci delle risate di Gesù Bambino si appendono delle palline colorate all’albero di Natale.

La Leggenda Del Bastoncino Di Zucchero:

Il famoso bastoncino della leggenda è fatto di zucchero, è bianco a strisce rosse e ha il sapore di menta. Narra la leggenda che un dolciaio lo creò per ricordarci Gesù. Tale bastoncino racchiude in sé molti significati:
– Il caramello (di cui è fatto il bastoncino) rappresenta Gesù come la roccia solida su cui sono costruite le nostre vite.
– La forma a “J” rappresenta la forma di un bastone da pastore

SAI TUTTO SUL NATALE?

(Gesù è il nostro pastore) oppure sta per Jesus (Gesù).
– Il colore bianco rappresenta la purezza e l’assenza del peccato.
– Le strisce rosse grandi rappresentano il sangue di Cristo versato per i nostri peccati.
– Le strisce sottili invece rappresenterebbero i segni lasciati dalle frustate che Gesù ricevette dai soldati romani per ordine di Ponzio Pilato.
– Il sapore di menta piperita ricorda il sapore dell’issopo che è una pianta aromatica usata nel vecchio testamento per purificare.

La leggenda del vischio:

SAI TUTTO SUL NATALE?Il vischio, pianta utilizzata durante il periodo natalizio, è legato ad una leggenda molto bella che riguarda un vecchio mercante.
C’era una volta, in un paese tra i monti, un vecchio mercante. L’uomo viveva solo, non si era mai sposato e non aveva più nessun amico.
Il vecchio mercante si girava e rigirava, senza poter prendere sonno.
Uscì di casa e vide gente che andava da tutte le parti verso lo stesso luogo. Qualche mano si tese verso di lui. Qualche voce si levò:
– Fratello, – gli gridarono – non vieni?
Fratello, a lui fratello? Lui non aveva fratelli. Era un mercante e per lui non c’erano che clienti: chi comprava e chi vendeva. Per tutta la vita era stato avido e avaro e non gli importava chi fossero i suoi clienti e che cosa facessero. Ma dove andavano?
Si mosse un po’ curioso. Si unì a un gruppo di vecchi e di fanciulli. Fratello! Oh, certo, sarebbe stato anche bello avere tanti fratelli! Ma il suo cuore gli sussurrava che non poteva essere loro fratello. Quante volte li aveva ingannati? Piangeva miseria per vender più caro, speculava sul bisogno dei poveri, mai la sua mano si apriva per donare. No, lui non poteva essere fratello di quella povera gente che aveva sempre sfruttata, ingannata, tradita. Eppure tutti gli camminavano a fianco. Ed era giunto, con loro, davanti alla Grotta di Betlemme.
Ora li vedeva entrare e nessuno era a mani vuote, anche i poveri avevano qualcosa. E lui non aveva niente, lui che era ricco.
Arrivò alla grotta insieme con gli altri e s’inginocchiò insieme agli altri.
– Signore, – esclamò – ho trattato male i miei fratelli. Perdonami. E cominciò a piangere.
Appoggiato a un albero, davanti alla grotta, il mercante continuò a piangere, e il suo cuore cambiò. Alla prima luce dell’alba quelle lacrime splendettero come perle, in mezzo a due foglioline. Era nato il vischio.

La leggenda dell’agrifoglio:

Un piccolo orfanello viveva presso alcuni pastori quando gli angeli apparvero annunciando la lieta novella della nascita di Cristo.
Sulla via di Betlemme, il bimbo intrecciò una corona di rami d’alloro per il neonato re. Ma quando la pose davanti a Gesù, la corona gli sembrò così indegna che il pastorello si vergognò del suo dono e cominciò a piangere.
Allora Gesù Bambino toccò la corona, fece in modo che le sue foglie brillassero di un verde intenso e cambiò le lacrime dell’orfanello in bacche rosse. http://parliamoitaliano.altervista.org/le-leggende-legate-al-natale/

SI FESTEGGIA LO STESSO GIORNO IN TUTTI I PAESI?

Il Natale cristiano festeggia la nascita di Gesù. La data del 25 dicembre è convenzionale, il Natale fu stabilizzato in quella giornata dopo che diverse tradizioni avevano sostenuto, anche date diverse. Oggi viene celebrato in quel giorno da tutti i cristiani, tranne che dagli ortodossi russi. La Chiesa ortodossa russa, continua ad adottare il calendario giuliano  invece di quello gregoriano.  Oggi il ritardo del calendario giuliano è di circa 13 giorni, infatti, la Russia celebra la messa di Natale il 7 gennaio, 13 giorni dopo il nostro Natale.

CONOSCI LE TRADIZIONI NATALIZIE ITALIANE?

Con il Natale si celebra la nascita di Gesù. Le famiglieSAI TUTTO SUL NATALE? si riuniscono, cucinano molte cose da mangiare, giocano e si scambiano i regali.
I bambini aspettano la mattina di Natale per vedere se Babbo Natale, un anziano con la barba grigia e la sitta trainata da delle renne, abbia portato quello che loro hanno scritto nelle letterine. Il giorno prima di Natale è chiamato Vigilia e la cena della vigilia è una delle più importanti e prende il nome di cenone.
Per il cenone della Vigilia e per quello natalizio, in Italia si cucina moltissimo. Allo stesso modo, durante tutto il periodo di festa, si preparano o si comprano dolci particolari, come il panettone, il pandoro o il torrone, e la casa viene decorata. Di solito viene preparato un albero, quasi sempre l’8 dicembre che è la festa dell’Immacolata Concezione.  Insieme all’albero spesso viene fatto anche il presepe che è la rappresentazione della natività di Gesù. In Italia si organizzano molte mostre con i presepi, anche particolari, e la più famosa è la mostra di Napoli. Il 26 dicembre, il giorno dopo Natale, è chiamato Santo Stefano, dal nome del primo martire cristiano. La sera di Santo Stefano spesso si mangia tutto quello che è rimasto delle due cene precedenti.

SICURO DI SAPERE COSA SIMBOLEGGIA IL PRESEPE?

Nel presepe, rappresentazione della natività, tutto è simbologia: la stalla rappresenta la povertà e la miseria.
Giuseppe è l’intelletto: anziché essere geloso e ripudiare Maria si inchina a Dio accettandone la volontà.
Il Bue rappresenta il principio generativo (è simbolo della fertilità e fecondità in Egitto); l’asino invece raffigura la personalità, la natura inferiore dell’uomo.
Il significato della presenza nella stalla del bue e dell’asinello è in realtà molto profondo: soffiando sul Bambino Gesù lo scaldavano con il loro fiato.
Il soffio è vita, dunque il soffio dell’asino e del bue è una reminiscenza del soffio mediante il quale Dio ha dato l’anima al primo uomo.

SAI TUTTO SUL NATALE?

A cura di Alessia Gorla 3°A

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...