LA PROGRESSIONE DEL CORONAVIRUS IN ITALIA

 

Ripercorriamo il primo drammatico mese per il nostro paese, durante il contagio da Coronavirus.

21 Febbraio – PRIMI DUE FOCOLAI: CODOGNO E VO’                                                                           L’assessore al welfare della Lombardia, Giulio Gallera, comunica la notizia di un 38enne positivo al virus e con Covid-19 ricoverato all’ospedale di Codogno (Lodi). Nel corso della giornata i contagi saliranno a 15 persone, scoprendo anche il secondo focolaio italiano, Vò Euganeo, in Veneto, dove si registra il primo morto,

22 Febbraio – ISTITUITE LE ZONE ROSSE                                                                                                                Il Governo, con un decreto, decide di istituire due zone rosse in Italia: il Lodigiano (11 comuni) e Vò. Vengono inoltre chiusi scuole, negozi e musei.

25 Febbraio – RESTRIZIONI IN 6 REGIONI                                                                                                                 I contagiati salgono a quota 328, con 11 vittime, così il Governo decide di estendere le limitazioni (come negli 11 comuni focolaio) a Lombardia, Veneto, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.

4 Marzo –  STOP DI ALTRI 10 GIORNI                                                                                                                     Con un nuovo decreto il premier Giuseppe Conte, dopo aver superato 100 vittime, firma la chiusura delle scuole fino al 15 Marzo. Forti restrizioni per cinema, teatri e tante altre manifestazioni.

8 Marzo – LOMBARDIA CHIUSA                                                                                                                            Nella notte tra il 7 e l’8 Marzo viene vietato lo spostamento in Lombardia e in 14 province di altre 4 regioni. Questo è anche il famoso giorno della “fuga verso il sud” dalla stazione di Milano.

11 Marzo – ITALIA ZONA ROSSA                                                                                                                        L’Italia è blindata. Parte con questo decreto lo slogan “Io resto a casa”.

12 Marzo – SI RAGGIUNGONO I MILLE MORTI

18 Marzo – IL TRACOLLO DI BERGAMO                                                                                                                    In queste settimane Bergamo diventa la provincia più colpita. L’immagine dei camion dell’Esercito che portano le bare in altre regioni, visto il continuo aumento di vittime, segnano probabilmente la storia recente dell’Italia.

19 Marzo – ITALIA PRIMA
L’Italia supera il numero delle vittime in Cina, con 3.405 persone decedute.

20 Marzo – PICCO DI CASI IN ITALIA                                                                                                                             Incremento di 627 vittime e 4670 contagi, è il maggior numero di persone dall’inizio della pandemia.

NAVA KILIAN 3 C

FONTE: ilsole24ore.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...