Grande eruzione del vulcano hawaiano Kilauea

Paura alle Hawaii per una nuova violenta eruzione del vulcano Kilauea, sull’isola più grande dello Stato americano.Il vulcano Kilauea si trova alle pendici di uno dei più grandi vulcani del mondo, il Mauna Loa. Il nome Kilauea significa in polinesiano “nuvola di fumo che sale” e gli abitanti della zona associano il suo risveglio all’umore di una divinità femminile chiamata Pele, la cui abitazione sarebbe ubicata in corrispondenza del grande cratere situato in cima al Kīlauea. L’esplosione ha generato una colonna di fumo e cenere , tanto che le autorità locali hanno emesso un nuovo allarme rosso per i voli aerei, consigliando di evitare la zona. L’eruzione è avvenuta dopo due settimane di intensa attività del vulcano che aveva eruttato la prima volta il 4 maggio, provocando una scossa di terremoto pari a 6.9 gradi della scala Richter e causando l’evacuazione di 10 mila abitanti. Dal risveglio del vulcano la lava ha distrutto una trentina di case e una decina di edifici. Il Parco Nazionale dei Vulcani è stato chiuso l’11 maggio per la sicurezza dei cittadini e i residenti sono stati avvertiti di stare lontano dalla zona. Kilauea è uno dei vulcani più attivi al mondo. Un’eruzione del 1924 uccise una persona e inviò rocce, polvere e cenere nell’aria per 17 giorni. Massima allerta e rischi per la popolazione: le comunità a un miglio o due di distanza possono essere ricoperte da frammenti o spolverate di ceneri non tossiche, spiegano gli esperti. Il vulcano erutta ininterrottamente dal 1983. È uno dei cinque vulcani della Big Island delle Hawaii e l’unico attualmente in  stato di eruzione

3D Thomas Ferrario e Christian Bregoli

(Fonte testo: Repubblica.it e panorama)

Annunci

NASCERE, LAVORARE, PAGARE E MORIRE

LA vita non deve essere un lavoro, pagare le bollette e morire.

Ci siamo imbattuti in un articolo che ci ha fatto riflettere e che ci piacerebbe che anche voi possiate farvi una vostra opinione su questo tema.

L’articolo che abbiamo letto prendeva in considerazione il fatto che quasi tutti nel mondo, sono oberati tutto il tempo; Continua a leggere

FRAMMENTI DI UFO RITROVATI IN UN MUSEO: SARANNO VERI?

I frammenti metallici di un oggetto protagonista di una riuscita burla storica sono stati ritrovati, dopo 50 anni di oblio, negli archivi del London Science Museum. I reperti richiamano un episodio che nel 1957 fece scalpore sulla stampa britannica: tre uomini stavano guidando, di notte, nella brughiera di Silpho Moor vicino Scarborough, nel Regno Unito, quando videro un oggetto celeste molto luminoso schiantarsi a terra. Scesi dall’auto trovarono un disco volante di 45 cm di diametro, “un vero UFO”, come strillarono i giornali.

Questa la storia, una bufala ben architettata. Ma a tre settimane del lancio dello Sputnik, il primo satellite mandato in orbita, la burla riuscì bene. Il fondo di rame del disco era ricoperto di geroglifici, come il suo analogo statunitense di un decennio prima. Anche il piccolo libro racchiuso al suo interno era compilato in geroglifici, nei quali un negoziante di Scarborough disse di aver decifrato il messaggio di un alieno di nome Ullo all’umanità, a proposito di una guerra atomica: “Migliorerete o sparirete”.

Decisamente terrestre. Gli esperti di metallo e gli altri scienziati che esaminarono l’oggetto decretarono fin da subito che il materiale non aveva proprietà particolari, né aveva mai varcato l’atmosfera terrestre. Ciò nonostante il disco fu sezionato in varie parti e spedito a più ricercatori per essere esaminato.

Alcune furono riposte in una scatola di metallo del London Science Museum, dove un addetto le ha ritrovate, qualche giorno fa, mentre conduceva ricerche sullo storico dell’aviazione Charles Harvard Gibbs-Smith, un convinto sostenitore di avvistamenti alieni.

Conferma. I frammenti del falso UFO sono stati poi identificati e dichiarati come “autentici” – cioè riconducibili a quello specifico scherzo – da David Clarke, docente della Sheffield Hallam University e consulente del National Archives UFO project del Ministero della Difesa britannico. Clarke stava tenendo una conferenza su questo tema quando ha potuto vedere i reperti, che hanno comunque, per la loro storia, un interesse culturale.

Strada Irene-Emma Castiglioni 3D

Fonte testo: Focus

Fonte immagine: Google

 

Come vivere 10 anni in più

 

Bolchini Christian, Olgiati Ma

Uno studio ha calcolato gli effetti sul lungo periodo di alcune buone pratiche quotidiane, che fanno guadagnare anni di vita.

L’aspettativa di vita in molti Paesi del mondo si allunga, ma secondo uno studio condotto da ricercatori americani di Harvard e pubblicato sulla rivista scientifica Circulation, non tutti ne trarranno benefici – colpa di alcune cattive abitudini diffuse nel mondo occidentale.Per guadagnare anni di vita basterebbe seguire alcune intuibili regole: non fumare, mantenere un indice di massa corporea tra 18,5 e 25, dedicare almeno 30 minuti al giorno all’esercizio fisico, non bere più di uno o al massimo due bicchieri di vino al giorno, garantirsi una dieta ricca di frutta, verdura e cereali integrali e povera di carne rossa, grassi saturi e zucchero.Risultati immagini per come vivere 10 anni in più regole

CURIOSITA’

Lo studio ha monitorato i dati clinici di oltre 122.000 persone dal 1980 al 2014 dimostrando che uomini e donne che rispettano questi criteri hanno l’82% in meno di probabilità di morire di malattie cardiache e il 65% in meno di probabilità di morire di cancro.

In Italia la situazione è decisamente migliore: nel nostro Paese l’aspettativa di vita alla nascita  è di 82,7 anni. Secondo i dati della World Health Organization(OMS, Organizzazione mondiale della sanità), il nostro Paese è al 6 posto nella classifica media internazionale, seguito da Israele, Svezia e Francia. Separando i dati tra uomini e donne, l’Italia si posiziona al settimo posto per gli uomini e all’ottavo per le donne: la vera curiosità della classifica è che al quarto posto (classifica femminile) troviamo la Corea del Sud.I Paesi con l’aspettativa di vita alla nascita più alta sono il Giappone, la Svizzera, Singapore, l’Australia e la Spagna

Christian Bolchini e Marco Olgiati        3D

Fonte notizia: Focus

Fonte immagine:google