Credits foto: pixabay.com

La didattica a distanza. Intervista al professor Francesco Felice

A causa dell’emergenza coronavirus, sono ormai diverse settimane che quasi tutte le scuole in Italia stanno svolgendo la cosiddetta didattica a distanza, che consiste prevalentemente in video-lezioni tra professori e alunni.
Come succede sempre per i nuovi stili di vita nella società, dunque, possono affiorare problemi, difficoltà o scetticismo…Quindi, cosa ne pensano gli insegnanti?
Lo abbiamo chiesto a un professore di Lettere coordinatore di classe Felice Francesco, della scuola “A. Volta” di Inveruno, corso B.

Continua a leggere

credits foto: pixabay.com

La Cina solidale con l’Italia

All’inizio erano guardati con sospetto, ma oggi i cinesi stanno dando una grande mano all’Italia e agli altri paesi del mondo nell’affrontare la pandemia.
Il 14 marzo è arrivato a Liegi, Belgio, un aereo che porta tonnellate di mascherine di cui 500mila dirette all’Italia.
Per aiutare il nostro paese la Cina ha inviato 4 tonnellate di materiale medico e 150.000 guanti, e un team di medici della Croce Rossa cinese è arrivata a Roma per aiutare i medici italiani nella lotta contro la diffusione di Codiv19.

Continua a leggere

credits foto: pixabay.com

UN GRAZIE A TUTTO IL PERSONALE MEDICO

L’epidemia del coronavirus non rallenta in modo significativo nonostante le misure predisposte dal governo e il numero delle persone positive aumenta.

Un grazie particolare è doveroso per chi è impegnato in prima linea a combattere il virus, soprattutto i dottori e gli infermieri.

Come non ricordare Li Wei Liang, primo medico cinese a parlare del nuovo virus e ora diventato un eroe?
Li Wei Liang venne minacciato dalle autorità e dalla polizia cinese per aver lanciato, a dicembre, l’allerta contro il virus. Purtroppo dopo essere stato riammesso al lavoro, anche Li è stato contagiato. Ricoverato nel reparto di terapia intensiva, successivamente è deceduto.

 

Continua a leggere

CORONAVIRUS: DALLE GITE SCOLASTICHE AGLI AIUTI INTERNAZIONALI

Scuole chiuse e niente gite. A causa della pandemia di COVID-19 legata al nuovo coronavirus, tutte le gita scolastiche sono saltate. Panico per i ragazzi e problemi anche per gli adulti con i rimborsi. “Non c’è bisogno di un ulteriore intervento da parte del Governo, basta il Codice del Turismo, che sulla questione è chiaro e netto”. Lo sottolinea l’associazione Codici (Centro per i diritti del cittadino) in merito ai rimborsi sulle gite scolastiche cancellate a causa dell’emergenza. Continua a leggere

QUARANTENA PER COVID-19 IN TUTTA ITALIA

Con l’arrivo del coronavirus abbiamo dovuto cambiare il nostro modo di vivere, le nostre abitudini, il nostro modo di relazionarci per restare in salute. La regione più contagiata è la Lombardia. Sia il governatore della regione Lombardia Attilio Fontana e anche Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio, sono stati sottoposti al tampone per il corona virus e sono risultati positivi. Sono comunque in buone condizioni e si trovano in isolamento per non contagiare altre persone.
Il governo data la gravità della situazione, ha tentato di correre ai ripari con delle misure ancora più drastiche per cercare di diminuire i contagi, che nonostante tutte le precauzioni adottate, stanno attualmente aumentando in tutto il paese.

Continua a leggere

credits foto: pixabay,com

Coronavirus in Italia, scuole chiuse al nord. Cosa fare in casa con bambini e ragazzi?

L’influenza da coronavirus (covid-19), scoperta all’inizio di quest’anno in Cina è approdata anche in Italia, colpendo soprattutto le regioni del nord con oltre 1500 contagi. La Lombardia rimane la prima regione per numero di colpiti dal virus, essa ne conta più del 50%.
L’emergenza ha costretto il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana a emanare un decreto per la chiusura delle scuole dal 24 febbraio fino all’8 di marzo.

Per questo motivo tutti i bambini e i ragazzi sono obbligati a rimanere chiusi in casa: come fare per occupare il tempo?

Continua a leggere

Bere caffè allunga la vita?

La bevanda più amata dagli italiani fa anche bene: al sistema cardiovascolare, ma non solo. Lo
sostiene uno studio, l’ultimo di una lista ormai lunghissima sull’argomento caffè. Nella lunga
discussione circa gli effetti più o meno benefici del caffè sulla nostra salute, interviene ora uno
studio dell’International Agency for Research on Cancer e dell’Imperial College di Londra, condotto
su circa mezzo milione di cittadini europei, secondo il quale le persone che bevono più caffè al
giorno vivono in media più a lungo di chi non ne assume. La ricerca si è basata su dati, raccolti in
un’indagine precedente, che registravano lo stato di salute e la dieta di 521.330 persone, di età
superiore ai 35 anni, seguite per 16 anni.
FA BENE ANCHE AL FEGATO! Analizzando il consumo quotidiano di caffè dei soggetti rimasti in vita
e delle 42.000 persone decedute nel corso dello studio, i ricercatori hanno riscontrato che un
consumo di caffè più elevato è associato a un rischio di morte più basso, soprattutto per alcuni tipi
di malattie, come quelle cardiovascolari e quelle legate all’apparato digerente. Successive analisi
hanno poi rivelato che i bevitori di caffè hanno in media un fegato più in salute rispetto a chi non
consuma mai questa bevanda.

Federica Basile Sharon Portaluppi

Immagine:Google

Fonte :Focus

 

GRAZIE A COSA POSSIAMO VEDERE COME SIAMO FATTI?

Il corpo umano non è trasparente alla luce visibile, per cui si usano procedimenti indiretti per poterne analizzare gli organi interni tra cui il cuore. Tra questi procedimenti possiamo individuare tre categorie, che variano per l’agente fisico utilizzato:
-onde elettromagnetiche di frequenza più alta di quelle della luce visibile;
-onde sonore, normalmente ultrasuoni, a frequenza più elevata di quelle che possono essere captate dall’orecchio umano;
-osservazione diretta con mini-telecamere introdotte nell’organismo.
I RAGGI X
I raggi X furono scoperti da W. Röntgen nel 1895 e si usano per fare le radiografie. Si tratta di onde elettromagnetiche con una frequenza più elevata della luce visibile, alle quali le parti molli del corpo risultano trasparenti, mentre le ossa no. Così si evidenzia il profilo delle ossa, che risalta su uno sfondo più o meno uniforme: in questo modo visualizzare le slogature le fratture ecc. delle ossa e dei legamenti. La tecnica della radiografia è stata modificata recentemente, per cui ora è anche possibile osservare cavità (per esempio parti dell’intestino) se vengono prima riempite da un materiale che risulti opaco ai raggi X. Sono le cosiddette radiografie a contrasto.

LA TAC (TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA)
Grazie ai progressi della tecnologia dei raggi X, e della digitalizzazione dell’informazione, è stato possibile sviluppare la tecnica della TAC. Questo nome designa un sistema di visualizzazione interna del corpo, che consiste nell’inviare radiazioni X e osservare, da posizioni diverse, come l’organo o la parte del corpo oggetto di studio le assorbono o le riflettono. In questo modo di possono ottenere milioni di dati che, una volta digitalizzati e processati da un computer, si trasformano in immagini interne del corpo che il personale medico può interpretare facilmente. L’utilizzo dei raggi X per esplorare il corpo umano presenta dei rischi: l’accumulo di dosi di raggi X nei tessuti del paziente può colpire le cellule e favorire lo sviluppo del cancro. Per questo motivo, le macchine che usano i raggi X sono istallate in locali ben isolati e i tecnici che vi lavorano devono coprirsi le parti del corpo più esposte ai raggi con protezioni speciali in piombo (metallo che assorbe la radiazione X).

LA GRAMMAGRAFIA
I raggi gamma sono onde elettromagnetiche di frequenza ancora più elevata rispetto a quella dei raggi X e pertanto, il corpo risulta trasparente. Come tutte le radiazioni elettromagnetiche, se i raggi gamma si applicano in dosi elevate possono danneggiare i tessuti umani. Però poiché sono molto efficienti, non occorre usare dosi elevate. La tecnica denominata grammagrafia consiste nel situare, nell’organo o nel tessuto del corpo che si vuole analizzare, un certo quantitativo di atomi che abbiano il nucleo radioattivo (cioè che emettono raggi gamma), e individuare dall’esterno da dove provengono i raggi. Gli atomi che emettono la radiazione si chiamano marcatori. La grammagrafia consente di conoscere il funzionamento di organi e sistemi vitali: si può seguire un processo della digestione, la circolazione del sangue, o di qualsiasi altro fluido corporeo, senza che il paziente sia danneggiato.

LA RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE
Questa tecnica combina l’utilizzo di onde elettromagnetiche e una proprietà dei nuclei degli atomi che non ha nulla a che vedere con la radioattività. A partire dalla digitalizzazione e dall’analisi dei dati, permette di ottenere immagini interne dell’organismo simili a quelle fornite dalla TAC. La tecnica di esplorazione attraverso questo processo consiste nell’inviare, alla zona del corpo interessata, una serie di onde elettromagnetiche di frequenza determinate e, in seguito, analizzare la risposta del corpo. Così si può capire da dove ritornino le onde. Successivamente, si trattano tutti questi dati con un computer, per trasformarli in un’immagine della zona dell’oggetto in studio, che appare con colori diversi.

FONTE TESTO: libro di tecnologia

Continua a leggere