Grande eruzione del vulcano hawaiano Kilauea

Paura alle Hawaii per una nuova violenta eruzione del vulcano Kilauea, sull’isola più grande dello Stato americano.Il vulcano Kilauea si trova alle pendici di uno dei più grandi vulcani del mondo, il Mauna Loa. Il nome Kilauea significa in polinesiano “nuvola di fumo che sale” e gli abitanti della zona associano il suo risveglio all’umore di una divinità femminile chiamata Pele, la cui abitazione sarebbe ubicata in corrispondenza del grande cratere situato in cima al Kīlauea. L’esplosione ha generato una colonna di fumo e cenere , tanto che le autorità locali hanno emesso un nuovo allarme rosso per i voli aerei, consigliando di evitare la zona. L’eruzione è avvenuta dopo due settimane di intensa attività del vulcano che aveva eruttato la prima volta il 4 maggio, provocando una scossa di terremoto pari a 6.9 gradi della scala Richter e causando l’evacuazione di 10 mila abitanti. Dal risveglio del vulcano la lava ha distrutto una trentina di case e una decina di edifici. Il Parco Nazionale dei Vulcani è stato chiuso l’11 maggio per la sicurezza dei cittadini e i residenti sono stati avvertiti di stare lontano dalla zona. Kilauea è uno dei vulcani più attivi al mondo. Un’eruzione del 1924 uccise una persona e inviò rocce, polvere e cenere nell’aria per 17 giorni. Massima allerta e rischi per la popolazione: le comunità a un miglio o due di distanza possono essere ricoperte da frammenti o spolverate di ceneri non tossiche, spiegano gli esperti. Il vulcano erutta ininterrottamente dal 1983. È uno dei cinque vulcani della Big Island delle Hawaii e l’unico attualmente in  stato di eruzione

3D Thomas Ferrario e Christian Bregoli

(Fonte testo: Repubblica.it e panorama)

HAWAII: PANICO IN PARADISO

Il vulcano Kilauea sta eruttando da una settimana sulla Grande Isola delle Hawaii, costringendo all’evacuazione migliaia di persone, distruggendo quasi 40 strutture e  minacciando un impianto geotermico.

 

È passata oltre una settimana dalla prima eruzione del vulcano sulla Grande Isola delle Hawaii e gli esperti non sanno quando l’attività vulcanica possa arrestarsi.

Continua a leggere

La giornata della terra

L’Earth Day (Giornata della Terra) è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. La Giornata della Terra, momento fortemente

voluto dal senatore statunitense Gaylord Nelson e promosso ancor prima dal presidente John Fitzgerald Kennedy, coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.
Le Nazioni Unite celebrano l’Earth Day ogni anno, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile.
Nata il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra. Come movimento universitario, nel tempo, la Giornata della Terra è divenuta un avvenimento educativo ed informativo.
L’idea della creazione di una “Giornata per la Terra” fu discussa per la prima volta nel 1962. In quegli anni le proteste contro la guerra del Vietnam erano in aumento, ed al senatore Nelson venne l’idea di organizzare un “teach-in” sulle questioni ambientali. Nelson riuscì a coinvolgere anche noti esponenti del mondo politico come Robert Kennedy, che nel 1963 attraversò ben 11 Stati del Paese tenendo una serie di conferenze dedicate ai temi ambientali.
L’Earth Day prese definitivamente forma nel 1969 a seguito del disastro ambientale causato dalla fuoriuscita di petrolio dal pozzo della Union Oi al largo di Santa Barbara, in California, a seguito del quale il senatore Nelson decise fosse giunto il momento di portare le questioni ambientali all’attenzione dell’opinione pubblica e del mondo politico.
Nel corso degli anni la partecipazione internazionale all’Earth Day è cresciuta superando oltre il miliardo di persone in tutto il mondo: è l’affermazione della “Green Generation”, che guarda ad un futuro libero dall’energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.

Irene Campeggi Sabrina Ferrario 3D

(fonte testo: google , fonte immagine:google)