Mondiali 2018 Russia, gli esclusi tra i convocati della Francia

La Francia si appresta a volare al Mondiale di Russia come una delle grandi favorite. Non potrebbe essere altrimenti per la Nazionale guidata da Didier Deschamps, reduce da un Europeo giocato – in casa – ad altissimi livelli, il cui sogno di vincerlo si è spezzato solo nei tempi supplementari della finalissima contro il Portogallo. Les Blues infatti, dopo il fallimento della spedizione del 2010, hanno saputo rimboccarsi le maniche e ripartire, costruendo le proprie basi sui settori giovanili in grado di far fioccare talenti in ogni ruolo. Non desta quindi sorpresa, anzi, forse un po’ di invidia, notare la lista di coloro che non parteciperanno alla Coppa del Mondo che prenderà il via il 14 giugno. Un monito anche per il nostro calcio, arenatosi dopo la vittoria del 2006. Deschamps ha dovuto fare delle scelte ma, con ogni probabilità, dalla lista di esclusi potrebbe uscire fuori un’altra formazione così forte da poter contendere il trofeo alle altre Nazionali.

Il sistema difensivo

In porta potrebbe tranquillamente esserci Benoit Costil, convocato dalla Francia nel periodo da infortunato attraversato dal titolare Lloris e ora fuori dai 23 che voleranno in Russia. Costil ha disputato un’ottima stagione con il Bordeaux, chiudendo con 9 clean sheet in 35 partite, numeri importanti che molti degli altri estremi difensori che agiranno tra in pali in Russia non possono vantarsi di avere. Quello del portiere resta comunque il nome meno altisonante tra i ragazzi esclusi da Deschamps. Avanzando di qualche metro e passando quindi alla linea difensiva, si iniziano già ad avere ‘problemi’ di abbondanza. Al centro infatti optiamo per Aymeric Laporte, da gennaio diventato il secondo difensore più costoso della storia del calcio dopo il suo passaggio al Manchester City, campione d’Inghilterra, per 65 milioni di euro. Al suo fianco potrebbe tranquillamente starci Clement Lenglet, centrale del Siviglia sempre più vicino al trasferimento al Barcellona. Sugli esterni invece spazio a Debuchy da una parte, quest’anno tornato in patria dopo ottime stagioni al Bordeaux e all’Arsenal, e Kurzawa dall’altra, titolare sulla fascia sinistra del Psg e frenato solo da qualche piccolo infortunio.

Il centrocampo                                                                                                                                      In mezzo al campo Matuidi, Kanté e Pogba offrono assolute garanzie a Didier Deschamps che, quindi, si è potuto prendere il lusso di lasciare a casa altre stelle del centrocampo e che sarebbero titolari inamovibili in altre Nazionali. Uno dei registi più apprezzati nel panorama internazionale è Adrien Rabiot, classe 1995, ma ormai nel calcio che conta già da 6 anni. Tanti top club sono pronti a spendere grosse cifre per portarlo via da Parigi ma, nonostante questi apprezzamenti, dovrà vedersi il Mondiale dalla tv a meno di improvvisi infortuni dei suoi compagni nei giorni di vigilia all’inizio della Coppa. Lo stesso destino è stato riservato a Geoffrey Kondogbia, oggi al Valencia ma di proprietà dell’Inter. Il mediano ha ritrovato in Spagna i fasti di un tempo e vorrebbe rimanerci, soprattutto dopo aver centrato l’obiettivo Champions. Quest’anno infatti è stato uno dei protagonisti dell’entusiasmante cavalcata del Valencia verso il ritorno in Europa, ma le sue prestazioni e la continuità mostrata non sono bastate per rientrare nel giro della Nazionale. Chi è uscito lentamente dai radar, sebbene figuri nelle riserve dei convocati, è anche Moussa Sissoko, uno dei più positivi tra i francesi a Euro 2016. Dopo il suo trasferimento al Tottenham non è più riuscito a trovare il campo con continuità e questo ha pesato tanto anche sulla possibilie chiamata del Ct dei Blues. Rabiot, Kondogbia, Sissoko potrebbero comporre un tridente davvero niente male.

L’attacco                                                                                                                                                  Il reparto offensivo propone poi l’imbarazzo della scelta. Sono almeno 8 gli attaccanti di lusso infatti che possono essere inclusi nella lista dei grandi esclusi a Russia 2018. Al centro di questo attacco non può ovviamente non essere collocato Karim Benzema, vincitore di tre Champions negli ultimi 4 anni e neo finalista dopo la doppietta messa a segno ai danni del Bayern Monaco. È evidente che alla base dell’esclusione vi siano contrasti di natura extracalcistici con il Commissario tecnico perché, nonostante le critiche ogni tanto ricevute anche in Spagna, è stato sempre considerato un elemento fondamentale da tutti i suoi allenatori. Per completare il tridente piazziamo poi Lacazette da un lato, reduce dal primo anno in Premier molto positivo, con 14 centri e 5 assist, e Payet dall’altro. Quella del numero 10 dell’OM è una situazione più complicata delle altre perché sarebbe stato probabilmente convocato se non si fosse fatto male dopo pochi minuti nel corso della finale di Europa League contro il Marsiglia. Il suo guaio fisico ha convinto Deschamps a optare per Fekir al suo posto, lasciando un ulteriore delusione nell’animo di Payet.

 

Autore: Vignati Jason 3°c

Fonte testo: Sky sport

Fonte immagini: Sky sport

 

 

Annunci

E’ UN MILAN DA AMMIRARE

Dopo un inizio di stagione con molte difficoltà per il diavolo rossonero, ecco che grazie al cambio di allenatore, è come se si fosse trasformato ed ha portato a casa dei punti molto importanti battendo squadre importanti come la Lazio, la Sampdoria nella recente domenica e per finire ha rifilato un poker alla squadra di Ferrara(Spal), allenata da mister Leonardo Semplici che ha messo in campo una discreta squadra ma che durante la partita ha dimostrato varie incertezze a partire dal portiere Alex Meret.

Continua a leggere

Pyeongchang 2018: domani il via ai Giochi Olimpici

Domani inizieranno i Giochi Olimpici invernali che quest’anno si disputeranno a Pyeongchang, in Corea del Sud. Saranno trasmessi su Rai 2 in diretta a partire dall’1:45 e Rai Sport tra le 11 e le 15, dal 9 al 25 febbraio. Eurosport, visibile su Mediaset-Premium, garantisce una programmazione senza precedenti su tutti gli schermi ed i devices disponibili: dirette da Pyeongchang, da Casa Italia, news, magazine,approfondimenti e curiosità.
Continua a leggere

UN ALTRO EPISODIO DI RAZZISMO A CARICO DEI TIFOSI DELLA LAZIO

 

Nell ultima settimana di ottobre i  giornali italiani sono tornati a parlare di “Anna” Frank, la ragazza tedesca ebrea che tenne un diario durante le persecuzioni naziste dei primi anni Quaranta, poi pubblicato in tutto il mondo alla fine della guerra. Tutto è iniziato quando in una curva dello Stadio Olimpico di Roma sono stati ritrovati adesivi di anna frank con la maglia della roma inserita con un fotomontaggio. Gli adesivi erano stati attaccati dagli ultras della Lazio. La polemica è poi montata a tal punto da comparire su tutti i giornali italiani e sui principali media stranieri. Ha avuto anche delle conseguenze pratiche: la Federcalcio ha deciso che prima delle partite della giornata di Serie A in corso in quei giorni  venga letta una pagina del Diario di Frank.  Continua a leggere