UN FAZZOLETTO SEMPRE A PORTATA DI NASO

La primavera è intesa come la stagione della rinascita, ma è anche il periodo “migliore”per le proprie allergie. Ma chi è stato il primo essere umano ad avere allergie e quando si sono sviluppate? Continua a leggere

Annunci

La torta Mimosa

07/03/2017

La torta mimosa è un dolce tipico per il giorno della festa della Donna. Oltre al dolce, il fiore tipico di questa festività è la mimosa. Per cucinare la torta Mimosa è necessario come prima cosa preparare il pan di Spagna, da utilizzare sia come base che come decorazione del dolce: la copertura dovrà infatti ricordare i fiori della mimosa. Continua a leggere

DJ FABO

In merito all’articolo fatto sull’eutanasia, siamo venuti a conoscenza del caso del DJ milanese, DJ Fabo, che è morto questa mattina alle 11:40 per eutanasia volontaria in Svizzera. Fabo ha deciso di morire perchè, a causa di un incidente stradale era paralizzato e cieco. Dopo anni di terapia senza risultati per lui positivi Fabo aveva chiesto al presidente Mattarella di poter praticare l’eutanasia, ma gli era stata negata. Così è andato in Svizzera dove l’eutanasia è legale. Egli prima di morire ha detto:”Hitler almeno i disabili li eliminava gratis”.

CHIARA BERRA e LINDA OLDANI,3C

Eutanasia sì o eutanasia no?

I progressi scientifici degli ultimi decenni hanno avuto, nel campo della medicina, esiti positivi. Enormi progressi sono stati fatti nella cura di tante malattie e la vita media, si è notevolmente allungata. Al prolungamento dell’esistenza delle persone ha corrisposto anche un miglioramento della qualità della vita. Oggi i progressi della medicina permettono di prolungare la vita anche quando ci si trova a essere malati senza prospettive di guarigione. Questa è una conquista positiva, che consente a molte persone di convivere con una malattia, seppure, con qualche limitazione. I problemi iniziano quando la malattia si aggrava a tal punto che le cure mediche sembrano ridursi al prolungamento di un’agonia. Questo accade, per i malati che vivono in stato d’incoscienza. La decisione di proseguire le cure mediche si caratterizza come un accanimento terapeutico. Con questo termine si definisce un prolungamento immotivato delle terapie su persone che non hanno più nessuna possibilità di migliorare. Continua a leggere