Volare sul ghiaccio

È iniziato Dicembre, il mese del pattinaggio! Aprono le piste di pattinaggio nei centri di paesi spaziosi e di grandi centri commerciali. Il Natale è già entrato nel vivo!
Tra luci, piroette, salti ed anche cadute, ci sorge uno dei dilemmi più frequenti è: come hanno portato qua tutto questo ghiaccio?
Quello che troviamo sotto i nostri piedi mentre pattiniamo è ghiaccio artificiale creato con un impianto di raffreddamento.
Solitamente le piste sono recinti chiusi condizionate, così da mantenere continuamente il ghiaccio alla temperatura giusta, ma diventa sempre più frequente trovare piste di ghiaccio all’aperto dato che alcune imprese specializzate sono riuscite a ottimizzare la tecnologia frigorifera per poter mantenere il ghiaccio all’esterno in condizioni ottimali.
Con l’installazione di queste piste di ghiaccio mobili nei centri commerciali e nelle piazze cittadine, gli sport sul ghiaccio godono di crescente attenzione da parte del pubblico ed attraggono un numero sempre maggiore di appassionati, come l’hockey.
Esistono anche piste di ghiaccio naturali, in località dove il freddo è assai intenso (laghi e fiumi ghiacciati).


Greisi Memaj 3C

gelicidio

LO STRANO FENOMENO DEL GELICIDIO

In meteorologia il gelicidio è un fenomeno che si verifica quando la pioggia,che rimane in forma liquida anche in presenza di temperature al di sotto dello zero, si solidifica istantaneamente a contatto con il suolo formando uno strato di ghiaccio trasparente e molto scivoloso.

-CARATTERISTICHE:Il fenomeno accade quando a livello del suolo è presente uno strato di aria fredda, con temperatura inferiore a 0 °C, mentre sopra c’è uno strato d’aria più calda che consente la fusione della neve che cade dalle nubi. Quando le gocce vengono a contatto con una superficie congelano all’istante, formando uno strato di ghiaccio trasparente, omogeneo, liscio e molto scivoloso. Il deposito di ghiaccio che si forma sugli oggetti è detto spesso vetrone.

-DIFFUSIONE:Generalmente il gelicidio padano è conseguente a una nevicata, dove l’aria caldo-umida di scirocco scorre sopra un cuscinetto di aria fredda che si era formato ore o giorni precedenti. Generalmente, lo scirocco determina una graduale erosione del cuscino freddo anche alle quote pianeggianti, portando quindi semplicemente pioggia, e non più gelicidio. Questa dinamica, appunto molto frequente nella prima parte dell’inverno in Val Padana, costituisce forse il più frequente epilogo delle nevicate nel Nord-Italia.

-RISCHI e DANNI:Il gelicidio è all’origine di numerosi disservizi, dato che, a causa del peso del ghiaccio, può provocare la caduta di rami anche di grande spessore, nonché la rottura di cavi elettrici, con conseguente interruzione dell’illuminazione pubblica, problemi alle comunicazioni telefoniche. Inoltre, è una notevole insidia per la circolazione degli autoveicoli, per il fondo stradale scivoloso. Nei casi più gravi possono cadere alberi interi , recando danni gravissimi ai boschi, e la circolazione stradale risulta impossibile.

Fonte testo e immagini:wikipedia

Thomas Ferrario   3D